Nel mezzo del cammin di nostra Gaia vita

di Maurizio Fiumara
______________________________________________

Albrecht Durer, Adamo ed Eva, 1507, olio su tavola, cm 209 x 80

Nostra Madre Terra data circa quattro miliardi di anni. Gliene rimangono ancora approssimativamente cinque. Questo significa che, attualmente, si trova a poco meno della metà della sua vita stimata.

Per dare inizio alla genealogia dell’essere umano, invece, dobbiamo attendere presumibilmente fino a circa sei milioni di anni fa con i primi ominidi (anche se non tutti gli specialisti sono d’accordo con le date), ed altri milioni di anni (quasi sei) per giungere al cospetto di un patrimonio genetico il più simile a quello dell’uomo moderno, con quello che viene catalogato Homo Sapiens Sapiens, fatto risalire “soltanto” a ventimila anni fa. In altri termini, dal primo ominide ad oggi è trascorso un periodo pari a tre mila volte quello che ci separa dalla nascita di Cristo (tremila volte duemila anni!), cioè una quantità di tempo immensa, se pensiamo a quanto ci sembri lontano soltanto il ‘700 barocco.

Continua a leggere